prima pagina indice del numero stampa questa pagina esporta in pdf Quaderno del 18 dicembre 2019

+T -T Approfondimenti

Innovazione sociale a sostegno dell’Inclusione attiva


Innovazione sociale a sostegno dell’Inclusione attiva

Nell’ambito delle azioni innovative dirette ad affrontare problemi di carattere sociale, rilanciando al contempo la performance economica, si registra l’utilizzo di Strumenti di Finanza ad impatto sociale, che concorrono all’obiettivo diretto ad incentivare l’inclusione attiva dei gruppi vulnerabili (6) (OS vii Annex D OP 4 - PI xi). Si evidenziano in particolare:

- Strumenti pay by result per il finanziamento di progetti pilota ad impatto sociale ed occupazionale dei gruppi maggiormente svantaggiati. Si segnala in particolare il Fondo Social Impact Investing, laddove FSE e FESR sono stati utilizzati in maniera integrata per sperimentare progetti di innovazione sociale sottoposti a valutazione di impatto nel settore delle politiche sociali, sostenere iniziative per l’inclusione professionale di categorie di soggetti svantaggiati, supportare l’avvio e il rafforzamento di attività imprenditoriali che producono effetti socialmente desiderabili e beni pubblici non prodotti dal mercato (FESR).

Sardegna - Selezione imprese da ammettere al Fondo Social Impact Investing
La principale finalità del Fondo è la promozione di una nuova strategia di politiche attive del lavoro attraverso l’erogazione di strumenti finanziari innovativi volti al re-inserimento lavorativo dei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro e che abbiano ricadute di impatto occupazionale e/o ambientale e sociale misurabili. Sono previsti interventi di : integrazione e inclusione di lavoratori espulsi dai comparti produttivi o potenzialmente destinatari a esserlo, da considerarsi quale misura preventiva della povertà; iniziative di politica attiva (formazione, inserimento nel mondo del lavoro, rigenerazione urbana) destinati ai giovani tra i 15 e i 20 anni, che presentino difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro e che siano a rischio di esclusione sociale; percorsi di inclusione attiva di detenuti ed ex detenuti attraverso attività di orientamento, formazione, riqualificazione e accompagnamento delle famiglie.
L’utilizzo del FESR è finalizzato al supporto allo start-up di imprese a carattere sociale.


- Partenariati pubblico-privato-privato sociale per iniziative di pubblica utilità: si tratta di progetti che prevedono l’inserimento di soggetti svantaggiati per svolgere per conto del soggetto pubblico proponente lavori di pubblica utilità.

Toscana - Cofinanziamento di opere e servizi di pubblica utilità
L’avviso finanzia interventi di interesse generale rivolti alla collettività, destinati a migliorare i servizi resi ai cittadini ed il funzionamento della pubblica amministrazione. I progetti riguardano i seguenti ambiti di intervento: il recupero del patrimonio ambientale, la tutela degli assetti idrogeologici, la bonifica delle aree industriali dismesse; la rivalutazione del patrimonio pubblico urbano, extraurbano e rurale; la valorizzazione dei beni culturali e artistici anche mediante l'attività di salvaguardia, promozione, allestimento e custodia di mostre relative a prodotti del territorio; il riordino o recupero e la valorizzazione di beni archivistici, librari e artistici di interesse storico e culturale; lo svolgimento di attività ausiliarie di tipo sociale a carattere temporaneo.

Puglia - Cantieri innovativi di antimafia sociale
L’avviso diretto ad enti e organizzazioni del privato sociale, associati in ATS (Associazione Temporanea di Scopo) con Enti Pubblici destinatari di beni confiscati alle mafie, si propone di promuovere la realizzazione e la diffusione di iniziative di sensibilizzazione e di educazione di antimafia sociale, quali leve di attivazione della cittadinanza attiva per azioni di rigenerazione sociale e urbana.
La principale sfida culturale ed educativa è rappresentata dall’investimento in capitale sociale; accanto all’impegno delle Istituzioni, si favorisce la mobilitazione dell’intera comunità che agisce attraverso le varie realtà associative per sperimentare prassi operative e metodologiche innovative, capaci di stanare situazioni e contesti di marginalità, per riportandoli al centro.
In particolare il FSE è destinato al sostegno di interventi che favoriscono l’educazione alla cittadinanza attiva e rafforzamento dell’antimafia sociale, la conoscenza dei territori/tessuti/contesti urbani e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale e l’utilizzo di nuovi media e modalità innovative di comunicazione.


Note:

(6): OS vii - Incentivare l'inclusione attiva, per promuovere le pari opportunità e la partecipazione attiva e migliorare l'occupabilità

Annex OP 4- D PI xi- Promuovere misure integrate e personalizzate di inclusione attiva per coinvolgere le persone a rischio di povertà o di esclusione sociale, compresi i minori e i lavoratori poveri.