prima pagina indice del numero stampa questa pagina esporta in pdf Quaderno del 26 giugno 2015

+T -T In Questo Numero

Il lavoro delle Regioni per un’Europa più “vicina”

Il focus di questo numero è dedicato all’annuale Programma Nazionale di Riforma (PNR), in particolare diamo conto del lavoro di preparazione svolto nell’ultimo anno e mettiamo in evidenza gli interventi adottati a livello regionale e confluiti nel documento finale, i progressi conseguiti rispetto all’anno precedente, gli obiettivi programmatici per conseguire la crescita e lo sviluppo sostenibile e inclusivo dell’Italia.

Alla Strategia Europa 2020 dedichiamo due contributi. Nel primo ci concentriamo sulla Multilevel governance, una metodologia d’impatto sulle politiche territoriali, e analizziamo come questa viene perseguita in Europa. Nella sezione In Pillole, invece, con alcune slide esplicative, delineiamo l’apporto regionale al processo di revisione della Strategia e illustriamo i Target in essa contenuti, gli obiettivi fissati a livello comunitario per agevolare lo sviluppo di una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva.

In ambito europeo rientra anche il contributo del direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lucio Battistotti, che delinea i tratti più rilevanti del cosiddetto Piano Juncker, il piano di investimenti strategici per l'Europa per un ammontare di circa 315 miliardi di euro.

Infine ci occupiamo di due iniziative legate a progetti interregionali. La prima è la presentazione del Catalogo interregionale di Alta formazione, che rappresenta la principale azione condotta nell’ambito del progetto interregionale “Verso un sistema integrato di alta formazione”. La seconda, invece, è legata al tema della semplificazione della spesa nell’ambito del sostegno fornito dai Fondi SIE, tema che oggi riveste una priorità chiave nell’agenda della Commissione europea. Molte Regioni italiane hanno aderito al progetto interregionale transnazionale sulla “semplificazione delle spese del Fondo sociale europeo” con l’intento di condividere modalità e buone prassi. Per fare il punto della situazione i soggetti coinvolti si sono incontrati a Firenze per l’incontro “La semplificazione dei costi nella rendicontazione del Fse. Un'opportunità per la buona spesa e l'affermazione della cultura del risultato": in questo numero riportiamo i principali esiti del dibattito, con l’intento di pubblicare prossimamente gli atti del convegno.